LGTB

I processi di Surrogate Gestation in LGBT


Più del 40% dei nostri genitori sono coppie gay, o uomini single gay, che a un certo punto della loro vita vogliono intraprendere la paternità. La gestazione surrogata per le coppie omosessuali, o per i gay single, è il modo migliore per ottenere la paternità, a causa dell'impossibilità pratica di portare a termine con successo un processo di adozione internazionale. Il numero di casi di maternità surrogata in Spagna ha superato quello delle adozioni internazionali negli ultimi due anni.



La maternità surrogata per gli omosessuali è una pratica che si sta verificando in un numero sempre minore di paesi. Purtroppo, con il passare degli anni, le porte sono state chiuse: NEPAL, THAILANDIA, CAMBOGIA, LAOS, VIETNAM, e Messico nel 2016.Ciò non significa che in quei paesi la surrogazione fosse un tempo consentita per i gay, o per le coppie eterosessuali, poiché in tutti i paesi citati, ad eccezione del Messico, non c'era una legge sulla surrogazione, e c'era un "vuoto giuridico" o la premessa costituzionale che "ciò che non è proibito dalla legge è permesso", ma in quei paesi (con l'eccezione dello stato di Tabasco in Messico) non c'era una legislazione.

Anche se ci sono molti paesi in cui la gestazione surrogata può essere effettuata, non tutti accettano che le coppie omosessuali o gli uomini single possano portare avanti il processo in questi paesi. Questo riduce notevolmente l'elenco rispetto alle coppie eterosessuali, che hanno più di 10 destinazioni per eseguirlo.
 

Dove GESTLIFE svolge processi di surrogazione per gli omosessuali

Fin dalla sua fondazione, l'azienda ha avuto una filosofia di offrire tutte le possibili destinazioni ai futuri genitori.

Analizziamo, visitiamo, apriamo i nostri uffici con il nostro personale (non siamo intermediari) e garantiamo la qualità dei servizi dei fornitori coinvolti.

In questo modo non siamo obbligati ad offrire una sola destinazione ("molte agenzie" hanno un solo luogo che devono difendere con unghie e denti, sconsigliando il resto dei destini, perché così attirano nuovi “clienti") e possiamo davvero raccomandare la destinazione più appropriata per le esigenze di ogni genitore. Ovviamente vogliamo che lei faccia il processo di surrogazione con noi.

Di questo ci occupiamo. Ma una volta che scelga i nostri servizi, le nostre priorità sono tre:

  • Impedirvi di commettere errori legali che potrebbero compromettere il vostro processo.
  • Garantire il successo medico: un bambino sano.
  • Ridurre il più possibile le spese. Noi preferiamo che lei risparmi i soldi per suo figlio, e non per gli intermediari.

In questo modo, non siamo legati all'offerta di una destinazione, sì o sì, perché non abbiamo una migliore da offrire, a differenza di molte altre "agenzie".

È importante che l'uomo che vuole intraprendere un processo di surrogazione capisca che ci sono tre tipi di paesi in cui esistono processi di surrogazione (ovviamente c'è un quarto gruppo, che sono i paesi in cui è vietato svolgere un processo di surrogazione, di cui non parleremo per non perdere tempo, perché non apportano alcun contributo).

PAESI CON UNA LEGISLAZIONE SPECIFICA IN MATERIA DI MATERNITÀ SURROGATA

Questi paesi hanno una legislazione specifica che consente il diritto del genitore o dei genitori committenti (tu o voi) di svolgere un processo di surrogazione.

Queste legislazioni revocano i diritti delle gestanti, e li concedono ai genitori committenti.

Questi paesi dispongono di leggi elaborate dai loro parlamenti, o successivamente modificate da sentenze di tribunali, come la Corte Costituzionale, che consentono a determinate persone di svolgere i procedimenti.

PAESI CHE NON HANNO UNA LEGISLAZIONE DI GESTAZIONE SURROGATA

Partendo dal presupposto che ciò che non è proibito è permesso, alcune agenzie senza scrupoli offrono destinazioni dove non esiste una legislazione specifica sulla maternità surrogata. È sempre facile trovare una clinica che è disposta a fare il processo.

Dopo tutto, il procedimento medico non presenta troppi segreti per una clinica di fertilità. Ma una gravidanza surrogata non è solo creare un bambino, ma anche garantire che questo bambino sarà nostro, e che non ci saranno problemi legali né per lasciare il paese o più tardi nel nostro paese. Ed è qui che iniziano i problemi in questi paesi, che mancano di una normativa specifica sulla surrogazione.

Perché in assenza di una legge che annulli i diritti naturali della gestante ("la madre è colui che partorisce", dicono la maggior parte delle legislazioni del mondo), a favore dei padri committenti, la gestante in questi casi conserva tutti i diritti sul minore. In altre parole, è la madre a tutti gli effetti e mantiene intatti tutti i suoi diritti.

Ecco perché, se lo desidera, può non consegnare al bambino, può impedire al neonato di lasciare il paese, o addirittura esigere ingenti somme di denaro. Lei è la madre e le autorità del suo paese la riconoscono come tale. Non abbiamo nulla da fare nei tribunali del suo paese, se succede qualcosa. Ecco perché, consigliamo vivamente di non intraprendere azioni legali in questo tipo di luoghi, perché non ci sono garanzie legali per i genitori committenti, e la più bella delle avventure può diventare il peggiore incubo.

Attualmente, il Messico si distingue tra questo tipo di paesi. Le cliniche e le agenzie che hanno visto come chiudevano le porte ai genitori stranieri a Tabasco il 16 gennaio 2016, non hanno potuto rivolgersi ad altri settori, e continuano ad offrire il Messico come destinazione sicura.

Offrono cliniche a Cancún (stato di Riobóo), dove non esiste una legge di surrogazione, e la gestante conserva tutti i diritti sul bambino, una situazione che può diventare un grave contrattempo. Inoltre, il governo messicano non è d'accordo con questa pratica e perseguita questo tipo di processo, ostacolando in modo significativo la partenza dei bambini dal paese.

Infine, le cliniche in Messico, sebbene apparentemente macro-cliniche, dedicate al turismo sanitario, hanno tassi di successo di gravidanza inferiori al 60% rispetto alla media internazionale, e poiché non offrono programmi illimitati, programmi che sembrano economici finiscono per essere molto costosi perché richiedono trasferimenti multipli di embrioni (pagando per loro ogni volta) e anche nuove FIVET, per generare più embrioni, in un processo che non ha una scadenza. Per tutti questi motivi, non raccomandiamo i procedimenti in Messico.

PAESI CHE HANNO UNA LEGISLAZIONE DI GESTAZIONE SURROGATA ALTRUISTA.

Ci sono due tipi di leggi nella gravidanza surrogata:

  • Gestazione altruista: in questo tipo di legislazione, viene stabilito un livello massimo per il risarcimento che la gestante può ricevere, dato che la legge è intesa ad evitare che la gestante si arricchisca. In alcuni paesi, la cifra varia da zero nella precedente legge portoghese (attualmente annullata dalla Corte Costituzionale Portoghese) a 20.000 dollari canadesi in Canada.
    Pagare un importo superiore alla gestante comporta un reato punibile con la reclusione in carcere.

  • Gestazione mercantile: anche se non ci piace questo nome, si riferisce a una legislazione che permette alla gestante di ricevere un risarcimento concordato tra le parti, senza fissare limiti.
 

Programmi per uomini omossesuali senza garanzie legali:


A causa della carenza di destinazioni per realizzare la maternità surrogata per coppie omosessuali o uomini single, alcune agenzie "mettono la ciliegina sulla torta" e creano programmi che non hanno alcuna garanzia, e sono destinati al fallimento.


GESTAZIONE IN RUSSIA PER UOMINI OMOSESSUALI, CON LA NASCITA DEL BAMBINO A PRAGA (REPUBBLICA CECA)

L'esistenza di questo tipo di programma dimostra la realtà che i processi di surrogazione possono essere svolti in Russia per gli uomini omosessuali. Tuttavia, il programma fallisce sulla cosa più importante: la nascita del bambino, che avrà luogo in un paese dell'Unione Europea, che non ha alcuna legislazione in materia di maternità surrogata.

Pertanto, la gestante conserva tutti i diritti del bambino, in modo che può rifiutarsi di darlo o richiedere denaro. Se vogliamo rivolgerci alle autorità, la ragione sarà dalla parte della gestante, che ha partorito, e la legge ceca la protegge. Dobbiamo anche ricordare che si tratta di un paese dell'Unione Europea, quindi è molto facile eseguire un mandato di ricerca internazionale per il bambino. (Euro-Ordine).
GESTAZIONE SURROGATA PER GAY IN KENIA

Questo tipo di processo è riservato ai cittadini del Kenya e non offre alcuna garanzia ai cittadini stranieri. Ancora una volta, la gestante ha diritti sul bambino.
• MATERNITÀ SURROGATA PER I GAY IN RUSSIA, CON LA NASCITA DEL BAMBINO IN CANADA

Di fronte all'impossibilità pratica di trovare gestanti in Canada, alcune agenzie hanno avuto la "brillante idea" di effettuare il processo di fecondazione in vitro con una gestante russa e, una volta incinta, la mandano in CANADA.

Questo sistema, che può sembrare originale e pratico, viola la legge canadese, dal momento che nessuna gestante russa accetta un risarcimento finanziario per un programma di maternità surrogata inferiore a 20.000 euro (interamente per lei), violando così la legge canadese. Il fatto che il pagamento alla gestante sia effettuato in Russia non la esime dal reato, poiché il processo si svolgerà finalmente in CANADA dove nascerà il bambino, e quindi saremmo soggetti alle leggi di quel paese, e non a quelle di Russia.
 

In quali paesi può avvenire la maternità surrogata per le coppie omosessuali e gli uomini single


Purtroppo, ci sono attualmente solo 3 paesi che permettono agli uomini gay, sposati o non, di svolgere un processo di gestazione surrogata con tutte le garanzie necessarie:

  • RUSSIA
  • USA
  • CANADA

CANADA



CANADA è una bella utopia. C'è una legge che consente la surrogazione agli stranieri. Ma in CANADA, c'è una legge altruistica che pone un limite alla somma che la gestante può ricevere in risarcimento, che deve includere le sue spese mediche. Una gestante negli Stati Uniti riceve tra 35.000 e 45.000 dollari, e le gestanti canadesi lo sanno, e quindi richiedono importi simili. Pagare l'eccedenza è un reato penale che viene punito con carcere.

Come studio legale, non possiamo raccomandare di avventurarsi in questo ambito. Inoltre, l'intermediazione è vietata.

“La gravidanza per sostituzione è consentita purché sia altruistica, cioè la gestante non può per legge ricevere alcuna retribuzione economica, ad eccezione delle spese mediche che saranno a carico dei genitori committenti. Così, è anche vietato mediare o pubblicare annunci pubblicitari per i servizi di una gestante. (Articolo 6 ASSISTED HUMAN REPRODUCTION 2004).’’

Le sanzioni per il mancato rispetto della legge non sono da meno:

Reato e pena:

60 Chiunque infrange uno qualsiasi degli articoli dal 5 al 7 e il 9 è colpevole di un reato ed:

a. È punibile, con pena di condanna, ad un'ammenda non superiore a $500.000 o alla reclusione per un periodo non superiore a dieci anni, o di entrambi; o

b. È punibile con pena di condanna con una multa non superiore a $250.000 o con la reclusione non superiore a quattro anni, o con entrambe le pene.

61 Una persona che infrange una qualsiasi disposizione della presente Legge o una qualsiasi disposizioni degli articoli dal 5 al 7 o art. 9 del regolamento o di un'ordinanza emessa ai sensi del comma 44 (1) è colpevole di un reato ed

a. È punibile con la condanna di un'ammenda non superiore a $ 250.000 o con la reclusione non superiore a cinque anni, o entrambi; o

b. È punibile, in caso di condanna ad una multa non superiore a 100.000 dollari o con la reclusione non superiore a due anni, o entrambi.

Pertanto, se una agenzia vi offre mediare per effettuare un processo in CANADA, deve sapere che è un atto illegale, e ciò che è più grave, vi coinvolge in una condotta punibile.


Non capiamo perché offrono questa destinazione, ci sono altre. La legge canadese è stata promulgata per i canadesi che, avendo una sorella, una cognata, un cugina o un'amica che, gratuitamente, vogliono prestarsi a portare un bambino davanti all’impossibilità dei genitori, possono farlo con le garanzie legali coperte. La legge non è stata fatta perché gli stranieri, vadano in Canada per realizzare il loro obiettivo di diventare genitori.

È anche curioso che sui loro siti web (in un'area non molto visibile), le agenzie stesse rilevino quanto segue:

  • Legislazione restrittiva (non è consentita alcuna trattativa economica con la gestante).
  • Piccole aziende, con tempi di risposta e canali di comunicazione limitati.
  • Atteggiamento ambiguo delle autorità consolari
  • Ambiguità della copertura sanitaria per i bebè per maternità surrogata. Alcuni ospedali hanno emesso fatture a genitori italiani per questo.


Ogni mese riceviamo chiamate di genitori che hanno iniziato un programma di maternità surrogata in CANADA da più di un anno, direttamente o attraverso un'agenzia, senza ottenere una gestante. Alla fine si stancano e abbandonano il programma.

Pertanto, come studio legale, dobbiamo sconsigliare CANADA come destinazione per il nostro processo di surrogazione

USA



Gli Stati Uniti sono da anni la Mecca della surrogazione. Con leggi diverse in ogni stato, la California è lo stato con il maggior numero di procedimenti a disposizione a causa della sua mancanza di restrizioni.

USA, junto con Grecia (este país no permite procesos para solteros) y Canadá, son los únicos países que expiden una sentencia judicial, que posteriormente es reconocida por las autoridades españolas.

Gli Stati Uniti, insieme alla Grecia (questo paese però non consente procedimenti per i single) e al Canada, sono gli unici paesi che emettono una sentenza, che viene successivamente riconosciuta dalle autorità di alcuni paesi, anche se questo non è il caso dell’ITALIA.Le cliniche sono di prim'ordine, e le agenzie tendono a funzionare abbastanza bene. Ma negli Stati Uniti non esiste alcuna assistenza di sicurezza sociale come la intendiamo noi in Europa. La medicina è privata, e quindi in un processo di surrogazione, le spese mediche devono essere pagate. Ad esempio, se il bambino ha bisogno di una incubatrice, dovremo pagare tra i 3.000 e i 5.000 dollari al giorno per una unità di sorveglianza intensiva, in modo che sappiamo qual è il prezzo di partenza, ma mai quale sarà il prezzo finale. Gli Stati Uniti sono un paese dove i genitori facoltosi possono effettuare i processi, dal momento che costano tra 120.000 e 150.000 euro. Chiunque vi dica il contrario vuole imbrogliarvi, e nascondere le spese che appariranno in seguito, per rendere il costoso programma semplicemente più attraente. Dopo tutto, gli Stati Uniti sono costretti a gareggiare con paesi come la Russia, dove il programma costa meno della metà, ed è difficile vendere qualcosa che costa il doppio sulla base del solo prestigio

Negli Stati Uniti esistono principalmente due tipi di programmi:

  • Quelli che sono realizzati integralmente in Usa.
  • Quelli che vengono eseguiti negli Stati Uniti, ma il processo di riproduzione assistita ("FIVET") viene eseguita in Messico a Cancún. La gestante va in quella città per il trasferimento di embrioni, e poi torna negli Stati Uniti, dove continuerà la gravidanza fino alla nascita del bambino, che avrà luogo negli Stati Uniti. Si tratta dei cosiddetti programmi "CROSSBORDER", più economici di quelli realizzati interamente negli USA. Ma, come abbiamo detto, le cliniche in Messico hanno tassi di successo più bassi di quelle negli Stati Uniti, e a volte ciò che abbiamo risparmiato si è volatilizzato con nuovi trasferimenti di embrioni e nuove "FIVET". Questi programmi sono allettanti perché costano meno, ma bisogna essere consapevoli dei problemi che possono causare.

Pertanto, se si vuole fare il processo negli Stati Uniti, è necessario avere un budget compreso tra 120.000 e 160.000 euro, per un bambino, e può superare i 200.000 euro se sono due bambini (perché sono sempre nati prematuri, perché è un parto gemellare, e sono necessari incubatrice e le relative spese mediche).

Anche se esistono assicurazioni che possono coprire parte di questi costi, sono molto dispendiose e non prevedono sufficientemente. Consultate i nostri consulenti se desidera eseguire il processo negli Stati Uniti.

RUSSIA



Russia è la grande incognita, nonostante sia un paese che svolge processi di surrogazione da oltre 15 anni. La legge russa consente processi di maternità surrogata a:

  • Coppie eterosessuali sposate
  • Coppie eterosessuali non sposate
  • Donne single
  • (Pertanto non menziona gli uomini single).


La mancata inclusione di uomini non sposati (indipendentemente dal loro stato sessuale) può implicare che, in caso di maternità surrogata per omosessuali, si sfrutti "un vuoto giuridico" o la premessa "tutto ciò che non è proibito è permesso", come è avvenuto in paesi come NEPAL, THAILANDIA, NEPAL, LAOS, VIETNAM o CAMBOGIA, in cui non esisteva alcuna legge. I single sono venuti in questo paese, prima discretamente, poi non tanto e quando la stampa la ha pubblicizzata, le autorità l'hanno vietata.

In Russia, 15 anni fa, diversi uomini non sposati hanno avuto l’opportunità di eseguire programmi di surrogazione, e quando sono andati a registrare i loro figli, l'anagrafe in prima istanza gli ha negato l’iscrizione. Ovviamente, hanno fatto ricorso ai tribunali, e finalmente la Corte Costituzionale Russa ha dato loro ragione, e per oltre 12 anni, i bambini nati da genitori soli, indipendentemente dalla loro condizione sessuale, sono stati registrati senza alcuna difficoltà.

RUSSIA è un paese che, nonostante la sua reputazione di omofobia, permette ai singoli uomini di portare avanti questi processi. Dopo tutto, è il suo bambino biologico. La Russia offre vantaggi significativi:

La sicurezza sociale esiste: sia il bambino che la gestante sono coperti dalla sanità pubblica contro possibili spese mediche impreviste (incubatrice, malattia della gestante, ecc.), quindi non ci sono variazioni di budget.

Il bambino è registrato nel certificato di nascita a nome del padre committente e della gestante, sebbene quest'ultima abbia perso i suoi diritti. Ciò consente senza problemi l'iscrizione dell'atto di nascita nell'anagrafe, poiché rispecchia la realtà, non come nel caso delle coppie eterosessuali, in cui la madre committente non ha ovviamente "partorito il figlio" ed è respinta nell'anagrafe. Abbiamo anche l’ulteriore rinuncia della gestante nel caso in cui in futuro vogliamo che la nostra coppia adotti il bambino, per evitare lo spostamento della gestante, in quanto la legge italiana richiede la sua ratifica. (Questa procedura di adozione può essere effettuata attraverso uno studio legale con il quale collaboriamo in Italia o con un avvocato scelto da voi).

Alcune agenzie, che hanno come destinazione solo USA o CANADA, screditano RUSSIA, con il solo scopo di ottenere "clienti" che preferiscono andare in Russia. Pubblicano blog su Internet, o pagine in cui indicano che in Russia non è possibile svolgere processi di surrogazione, il che non è vero, a prescindere da che piaccia o meno.

La realtà è dura e noi, in quanto studio legale, ci atteniamo alla legge come prima e fondamentale premessa. Altre "agenzie", che non sono studi legali, si lasciano influenzare da ciò che non conoscono, disorientando i futuri genitori e portandoli verso destinazioni più costose che loro commercializzano In GESTLIFE disponiamo di tutti i paesi in cui è possibile effettuare processi di surrogazione per gli omosessuali. Pertanto, non abbiamo alcun interesse a raccomandare l'uno o l'altro. Se volete farlo negli Stati Uniti, e spendere tra i 120.000 ei 150.000 euro, saremo lieti di aiutarvi. Se si vogliono ottenere gli stessi risultati con tutte le garanzie, a metà prezzo in Russia, con costi chiusi, anche.

La Russia è attualmente, e da oltre 6 anni, la principale destinazione dei nostri genitori gay, o single, in quanto offre importanti vantaggi:

  • Prezzo inferiore di oltre il 50% rispetto al prezzo degli Stati Uniti
  • Quotazione fissa. Nessuna sorpresa alla fine del processo con "spese inaspettate".
  • Programmi con un numero illimitato di trasferimenti di embrioni e FIVET. Ad un prezzo chiuso, si è sicuri di diventare genitore.
  • Assicurazioni varie incluse in alcuni programmi: assicurazione sanitaria per la gestante, assicurazione in caso di decesso per la gestante o la donatrice, assicurazione in caso di decesso per il bambino con riavvio del programma, ecc. In modo che, qualunque cosa accada, si possa realizzare il sogno di diventare genitore.
  • Possibilità di programmazione con selezione del genere.
  • Processo senza intermediari: l'intero processo è svolto da GESTLIFE e dalle sue società affiliate.
  • Registrazione del bambino in Italia. Potete farlo se lo desiderate, personalmente o tramite uno studio legale con il quale collaboriamo in Italia.

Non è un caso che GESTLIFE sia la prima azienda in Europa in processi di surrogazione, con una percentuale di successo del 100%.

Vi invitiamo a contattare il vostro consulente familiare per studiare insieme il vostro caso ed offrirvi il programma più adatto alle vostre esigenze.